Efesini 1:11

— vv.11,12 “11 In lui (in Cristo) siamo anche stati scelti per un’eredità, essendo predestinati secondo il proponimento di colui che opera tutte le cose secondo il consiglio della sua volontà, 12 affinché fossimo a lode della sua gloria, noi che prima abbiamo sperato in Cristo.” (Efesini 1:11-12 LND)
Le verità in questo brano sono immense e possono esserci fonte di profonda gioia e anche di pace se le conosciamo e le meditiamo.

Con l’aiuto di Dio, consideriamo adesso tali ricchezze .

Scelti in Cristo
Il brano inizia dichiarando che siamo stati scelti in Lui, in Cristo Gesù. Quando Dio ci ha scelti, prima della creazione del mondo, era sempre “in Cristo”, in base all’opera di Cristo Gesù. Abbiamo ogni benedizione spirituale in Cristo Gesù. Non esiste benedizione al di fuori di Gesù Cristo. Gesù Cristo è la fonte e il mezzo di ogni benedizione spirituale che abbiamo.

È proprio in Gesù Cristo che siamo stati scelti per un’eredità. Gesù Cristo è la base sulla quale abbiamo la nostra eredità eterna. Per mezzo di Gesù Cristo, e di Gesù Cristo solo, abbiamo l’eredità della vita eterna con Dio in cielo, anziché la condanna eterna nel lago di fuoco. La nostra salvezza è in Gesù Cristo. O che possiamo riconoscere sempre di più che la nostra salvezza è in Gesù Cristo.

La nostra eredità in Cristo
Questo versetto parla di un aspetto immenso della salvezza, la nostra eredità eterna! Siamo stati scelti in Cristo per ricevere l’eredità.

Che cos’è la nostra eredità in Cristo? Un’eredità è qualcosa di grande valore che si riceve in un momento ben preciso. La nostra eredità è di stare nella presenza di Dio per tutta l’eternità in cielo.

Il nostro peccato ci ha fatti nascere e crescere separati da Dio. È impossibile per l’uomo ristabilire con il proprio agire un rapporto con Dio.

Gesù Cristo ha lasciato la Sua gloria eterna con Dio Padre per diventare a Sua volta uomo e vivere senza peccare per poterci salvare. Egli è stato separato dal Padre sulla croce e la Sua separazione dal Padre ha provveduto la possibilità di salvezza, provvedendo all’uomo peccatore la possibilità di essere riconciliato con Dio .

Chi riceve il perdono e la salvezza, già in questa vita ha comunione con Dio per mezzo di Gesù Cristo. Eppure, in questa vita, la comunione non è totale. Camminiamo ancora per fede, non vediamo ancora Dio nella Sua gloria. Abbiamo ancora da affrontare il combattimento contro la nostra carne ed il nostro peccato.

La nostra eredità è di avere la comunione perfetta ed eterna con Dio. Solo Dio può soddisfare il nostro cuore pienamente e perciò la nostra eredità sarà di avere un cuore pienamente soddisfatto in Cristo, con gioia in Lui, nella presenza di Dio, liberati dal nostro peccato, liberati da ogni male, per lodare Dio per sempre. Quindi, questa eredità vale più di qualsiasi altra cosa ora ed è durevole per l’eternità. Che gioia se siamo consapevoli di avere quest’eredità!

La nostra eredità sarà manifestata quando Gesù Cristo ritornerà, ovvero quando la nostra piena redenzione sarà rivelata. Cioè, noi siamo già salvati ma non abbiamo ancora la pienezza delle benedizioni della salvezza. Il meglio deve ancora arrivare. Ora viviamo per fede, aspettando. Allora, quando Gesù sarà tornato, non servirà più la fede. Il nostro cuore sarà pienamente soddisfatto per tutta l’eternità nella presenza di Dio stesso.

La nostra eredità sarà oltremodo meravigliosa. Infatti sarà così meravigliosa che è impossibile comprenderla con l’intelligenza umana. Occorre un’opera divina di Dio in noi che ci consenta di comprendere di più la grandezza della nostra eredità. Leggo una parte della preghiera di Paolo per i credenti e, quindi, anche per noi, in Efesini 1:17,18. Avendo parlato già dalla nostra eredità, qui Paolo prega affinché possiamo comprendere di più la grandezza di quest’eredità. Leggo dal v.17.:

“17 affinché il Dio del Signor nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia lo Spirito di sapienza e di rivelazione, nella conoscenza di lui, 18 e illumini gli occhi della vostra mente, affinché sappiate qual è la speranza della sua vocazione e quali sono le ricchezze della gloria della sua eredità tra i santi,” (Efesini 1:17-18 LND)
La nostra eredità è così meravigliosa che occorre un’opera di Dio che illumini i nostri occhi spirituali per farci comprendere quali sono le ricchezze della gloria di tale eredità tra i santi. La nostra eredità è gloriosa. Anche le cose più grandi di questo mondo non sono mai veramente gloriose. La gloria appartiene a Dio solo. La nostra eredità sarà di stare nella presenza di Dio stesso e di godere la Sua gloria.

Preghiamo anche noi di poter comprendere meglio la gloria della nostra eredità eterna.

La nostra salvezza è stata una scelta di Dio
La nostra eredità è oltremodo meravigliosa ed è riservata a noi, a noi che siamo in Cristo, e a chiunque si ravvede e crede in Gesù Cristo come Salvatore e Signore.

Questo versetto non solo ci parla dell’immensa benedizione dell’eredità, ma ci parla di una verità profonda, che può fortificare molto la nostra fede.

Questo versetto, come vari versetti precedenti, ci rivela che la nostra salvezza è stata una sovrana scelta di Dio. Già nei vv. 3-10 abbiamo visto ripetutamente che la nostra salvezza è stata una scelta di Dio e che tale scelta non dipendeva da alcuna qualità, scelta, opera o merito nostro. La nostra salvezza ha origine in Dio solo e siamo noi i benedetti beneficiari della Sua decisione di salvarci.

Leggo ancora il v.11 . Notate come la nostra salvezza è stata la sovrana scelta di Dio che fa tutto secondo il Suo proprio consiglio.

“In lui (Cristo) siamo anche stati scelti per un’eredità, essendo predestinati secondo il proponimento di colui che opera tutte le cose secondo il consiglio della sua volontà,” (Efesini 1:11 LND)
Nessun uomo potrebbe conoscere queste verità se Dio non le avesse rivelate a noi. Consideriamo queste verità immense. Esse possono darci una fede più forte e ci portano a lodare e ringraziare Dio ora e per tutta l’eternità.

Leggo ancora il versetto e vi invito a notare specificamente come la decisione di predestinarci alla salvezza ha origine in Dio solo, senza fattori esterni.

“In lui (Cristo) siamo anche stati scelti per un’eredità, essendo predestinati secondo il proponimento di colui che opera tutte le cose secondo il consiglio della sua volontà,” (Efesini 1:11 LND)
Siamo stati predestinati all’eredità e questa decisione da parte di Dio ha origine in Dio solo, senza alcun fattore esterno a Lui.

Diversamente dagli uomini, ogni decisione da parte di Dio ha origine in Dio stesso e non è influenzata da fattori esterni a Lui.

Consideriamo come un uomo prende una decisione. Ogni uomo è limitato nella sua conoscenza, è limitato nella sua forza, è limitato dagli altri, è limitato dalle forze della natura, è limitato dalla provvidenza di Dio. Quindi ogni decisione dell’uomo dipende da tanti fattori al di fuori di lui.

Dio invece non è un uomo. Le sue decisioni provengono da Lui stesso. Egli realizza i Suoi proponimenti e tutto quello che fa è secondo il consiglio della Sua propria volontà. Dio fa quello che fa perché Egli vuole fare così, è la Sua volontà. Non deve tener conto di alcun fattore al di fuori di Sé perché Egli sa tutto e controlla tutto.

Notiamo che il versetto dichiara che la predestinazione alla salvezza, che abbiamo considerato quando abbiamo studiato il v. 5, è avvenuta in virtù del proponimento di Colui che opera tutte le cose secondo il consiglio della Sua propria volontà.

Dio propone a Se stesso quello che farà e quel proponimento è basato sul consiglio della Sua propria volontà.

Vediamo questa stessa verità nel v.9

“facendoci conoscere il mistero della sua volontà secondo il suo beneplacito che egli aveva determinato in se stesso,” (Efesini 1:9 LND)
Dio ha determinato la sua volontà in se stesso.

Tutto quello che Dio fa, lo fa perché ha deciso dentro di sé di fare così. I proponimenti di Dio vengono solamente da Dio, dalla Sua propria volontà e non vengono influenzati da fattori esterni. Quando Dio ha scelto di predestinare alcuni uomini alla salvezza, ha preso questa decisione quando non esistevano ancora questi uomini. Quindi la Sua decisione era totalmente basata sul consiglio di Dio stesso, sulla Sua volontà.

Dio fa tutto secondo il Suo consiglio
Quando consideriamo e comprendiamo meglio questa verità meravigliosa, essa può calmare i nostri cuori nelle tempeste più profonde della vita.

Questo versetto ci insegna che Dio è assolutamente sovrano su tutto e che fa tutto secondo il consiglio dalla Sua propria volontà per portare gloria a Se stesso. Tutto quello che Dio fa, lo fa perché ha deciso di fare così. Dio non deve mai reagire ad avvenimenti o ad altri fattori al di fuori di Lui. Decide e fa tutto secondo il consiglio dalla Sua propria volontà. E tutto quello che fa, lo fa affinché la Sua gloria sia lodata. Leggiamo assieme i vv.11,12 :

“11 In lui siamo anche stati scelti per un’eredità, essendo predestinati secondo il proponimento di colui che opera tutte le cose secondo il consiglio della sua volontà, 12 affinché fossimo a lode della sua gloria, noi che prima abbiamo sperato in Cristo.” (Efesini 1:11-12 LND)
Dio opera tutte le cose, ovvero, gestisce ogni cosa, per portare noi ad essere a lode della Sua gloria. Gli avvenimenti e le circostanze della nostra vita non sono mai frutto del caso. Dio opera tutte le cose come Egli ha deciso dentro di Sé di operare, secondo la Sua volontà, per farci diventare a lode della Sua gloria.

Tutto quello che succede nella nostra vita è gestito e controllato da Dio e serve per portare bene a noi e gloria a Dio. Nulla è fuori del Suo controllo. Egli opera tutte le cose secondo il consiglio della Sua volontà.

Chiaramente, Dio è Dio e noi siamo semplici uomini. Non possiamo comprende molto di quello che Dio fa se Lui stesso non ci rivela quello che sta facendo.

Per esempio, quando Dio comandò ad Abramo di portare suo figlio Isacco sulla montagna per offrirlo come sacrificio, solo successivamente potemmo capire che era un Tipo, ovvero un simbolo del fatto che Dio Padre avrebbe offerto il Suo Unigenito figlio come sacrificio. Poi Dio provvide un montone da far morire al posto di Isacco. Solo dopo potemmo comprendere che era un tipo, un simbolo del fatto che Gesù Cristo, mandato da Dio, sarebbe morto al posto dei peccatori.

Quando Gesù fu crocifisso, sembrava che le cose succedevano fuori dal controllo di Dio. Però, in realtà, tutto avvenne esattamente come e quando Dio aveva prestabilito. La croce era necessaria.

Quindi Dio è pienamente in controllo e opera tutte le cose secondo il consiglio della Sua volontà. Questa volontà è divina e spesso non è comprensibile a noi. Però è sempre perfetta e porta al fine che Dio ha stabilito. Questo fine, come vedremo in seguito, è che noi che siamo salvati saremo alla lode della Sua gloria per tutta l’eternità.

Questo ci permette di avere pace in Dio.
Essendo Dio pienamente sovrano su tutto quello che succede, possiamo riposarci in Lui. Non dobbiamo avere timore di alcuna circostanza perché nulla può mutare il piano perfetto di Dio. Quindi il nostro cuore non deve essere mai turbato.

Infatti, in Giovanni 14, Gesù ci dichiara:

“”Il vostro cuore non sia turbato; credete in Dio e credete anche in me.” (Giovanni 14:1 LND)
Dio è sovrano, Dio opera tutto secondo il Suo piano perfetto. Nulla può impedire a Dio dal compiere tutto quello che Egli ha deciso. Quello che Dio ha scelto di fare, secondo la Sua volontà sovrana, Dio lo farà, perché Egli opera tutte le cose secondo il consiglio della Sua volontà. Questa è la stessa verità che leggiamo in Isaia 55:

“8 “Poiché i miei pensieri non sono i vostri pensieri né le vostre vie sono le mie vie,” dice l’Eterno. 9 “Come i cieli sono più alti della terra, così le mie vie sono più alte delle vostre vie e i miei pensieri più alti dei vostri pensieri. 10 Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, in modo da dare il seme al seminatore e pane da mangiare, 11 così sarà la mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non ritornerà a me a vuoto, senza avere compiuto ciò che desidero e realizzato pienamente ciò per cui l’ho mandata.” (Isaia 55:8-11 LND)
Possiamo fidarci completamente di un Dio così! Possiamo riposarci in Lui in qualsiasi tempesta o prova perché nulla può ostacolare Dio dal compiere tutto quello che Lui decide e dichiara. E Dio ha deciso di predestinarci a stare nella Sua presenza come figli amati per tutta l’eternità. Quindi l’opera di Dio in noi è sicura. Possiamo avere tranquillità nei nostri cuori .

Questa ci dà una grande sicurezza
Sapere che Dio opera tutte le cose secondo consiglio della propria volontà e quindi che Dio è pienamente in controllo di tutto, ci permette di essere sicuri riguardo al fatto che le decisioni di Dio non cambieranno. Visto che le Sue decisioni non dipendevano da alcun fattore esterno quando Dio le ha prese e che Lui è sovrano su ogni cosa, non esistono fattori esterni che possano cambiare tali decisioni. Quello che Dio ha deciso secondo il proprio consiglio, Dio lo porterà a termine.

Molto spesso un vero credente ha dei dubbi sulla propria salvezza. Quasi sempre questo avviene perché guarda a se stesso come base per capire se è salvato o no. Molto spesso un vero credente dubita che la propria fede sia sufficiente. Perciò dubita della propria salvezza.

Il problema di questo tipo di ragionamento è che la nostra salvezza non è fondata su qualcosa in noi, ma è fondata sull’opera perfetta di Gesù Cristo sulla croce e sul fatto che Dio ha predestinato ogni vero credente a credere e ad essere santificato.

Quindi, anziché guardare alla propria fede per valutare se la salvezza è vera o meno, bisogna guardare alle opere di Gesù Cristo e al fatto che Dio opera tutte le cose secondo il consiglio della propria volontà.

Bisogna ricordare che nulla può ostacolare Dio dal portare a compimento quello che ha iniziato.

Certamente è necessario che ci siano i frutti della vera salvezza. Tuttavia, se la nostra salvezza dovesse dipendere da quanto bene camminiamo noi, nessuno potrebbe mai arrivare ad avere la speranza di arrivare in cielo. Grazie a Dio, la nostra salvezza è fondata sul proponimento eterno di Dio. Quindi è una salvezza sicura.

Esempi di prove
Perciò, quando arrivano terribili tempeste nella vita, non dobbiamo spaventarci. Non dobbiamo avere timore. Dio è pienamente in controllo.

Quali sono alcune delle prove e difficoltà che possono spaventarci?

Certamente posso farlo i problemi di salute. Ma chi ha fatto il nostro corpo? Non esiste alcuna cellula nel nostro corpo che non sia sotto il controllo di Dio. Leggiamo nel Salmo 139:

“15 Le mie ossa non ti erano nascoste quando fui formato in segreto e intessuto nelle profondità della terra. 16 I tuoi occhi videro la massa informe del mio corpo, e nel tuo libro erano già scritti tutti i giorni che erano stati fissati per me anche se nessuno di essi esisteva ancora.” (Salmo 139:15-16 LND)
Dio è pienamente in controllo della vita e la morte non può arrivare prima del momento da Lui stabilito. Non solo, ma nemmeno possono arrivare le malattie se non secondo il piano di Dio. Dio fa cooperare TUTTE le cose al bene di coloro che Lo amano, di coloro, cioè, che sono salvati. Quindi nessuna malattia può arrivare al momento sbagliato.

Pensiamo ora ai problemi economici. Dio è letteralmente padrone di tutto, come leggiamo nel Salmo 50:

“10 Mie infatti sono tutte le bestie della foresta; mio è il bestiame che sta a migliaia sui monti. 11 Conosco tutti gli uccelli dei monti; e tutto ciò che si muove nei campi è mio 12 Se avessi fame, non te lo direi; perché il mondo e quanto esso contiene è mio.” (Salmo 50:10-12 LND)
TUTTO appartiene a Dio, Egli prende da chi vuole e dà a chi vuole. Perciò, quelli che noi chiamiamo problemi economici non sono mai problemi per Dio. Egli non è in alcun modo limitato dalle possibilità che possiamo immaginare noi.

Infatti, in Matteo 6, parlando specificamente dei nostri bisogni materiali, Gesù Cristo dichiara:

“Ma cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno sopraggiunte.” (Matteo 6:33 LND)
Quando noi cerchiamo per prima cosa il regno di Dio e la Sua giustizia, cioè quando questa è la nostra priorità, Dio opererà in modo che tutti i nostri bisogni materiali ci saranno sopraggiunti. Dio è sovrano e non dobbiamo preoccuparci. Quindi, non dobbiamo preoccuparci di un lavoro o di come pagare le bollette. Dobbiamo cercare come prima priorità il regno e la giustizia di Dio. Dio ci curerà perché opera tutte le cose secondo il consiglio della Sua volontà. Le cose non succedono per caso.

Potremmo ancora passare ad altri tipi di prove. Ci sono problemi nei rapporti con gli altri. Questi problemi possono essere molto pesanti. Anche in questo caso Dio è sovrano e può cambiare il cuore degli uomini secondo la Sua volontà. Leggiamo, per esempio, in Proverbi:

“Il cuore dell’uomo programma la sua via, ma l’Eterno dirige i suoi passi.” (Proverbi 16:9 LND)
“Ci sono molti disegni nel cuore dell’uomo, ma solo il piano dell’Eterno rimarrà fermo.” (Proverbi 19:21 LND)
L’Eterno dirige i passi degli uomini. Le prove sbagliate non possono arrivare nelle nostre vite. Ecco perché è vero ciò che troviamo scritto in 1Corinzi 10:13:

“Nessuna tentazione vi ha finora colti se non umana, or Dio è fedele e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma con la tentazione vi darà anche la via d’uscita, affinché la possiate sostenere.” (1Corinzi 10:13 LND)
Dio opera tutte le cose secondo il consiglio della propria volontà. Perciò possiamo essere sicuri che non ci arriverà alcuna prova sbagliata, di qualsiasi tipo essa sia.

Dio è pienamente sovrano su ogni tipo di prova e situazione. Perciò, possiamo riposarci ed avere pace in Dio!

Ci porta a lodare Dio
Sapere che Dio è pienamente sovrano e opera tutte le cose secondo il consiglio della Sua volontà è anche un grandissimo motivo per noi di lodare Dio tutti i giorni.

Nessun uomo è sovrano. Nessuno è simile a Dio. Dio solo merita la nostra adorazione e lode per la Sua sovranità.

Infatti, più volte nella Bibbia vediamo i credenti lodare Dio proprio per questo, come per esempio in Atti 4, dopo che Pietro e Giovanni furono arrestati e poi lasciati e le autorità avevano vietato loro di continuare a predicare nel nome di Gesù. Vi leggo la preghiera della chiesa:

“23 Quando furono rilasciati, ritornarono dai loro e riferirono tutte le cose che i capi dei sacerdoti e gli anziani avevano loro detto. 24 All’udire ciò, alzarono all’unanimità la voce a Dio e dissero: “Signore, tu sei il Dio che hai fatto il cielo, la terra, il mare e tutte le cose che sono in essi, 25 e che mediante lo Spirito Santo hai detto, per bocca di Davide tuo servo: “Perché si sono adirate le genti e i popoli hanno macchinato cose vane? 26 I re della terra si sono sollevati e i principi si sono radunati insieme contro il Signore e contro il suo Cristo 27 Poiché proprio contro il tuo santo Figlio Gesù, che tu hai unto, si sono radunati Erode e Ponzio Pilato con i gentili e il popolo d’Israele, 28 per fare tutte le cose che la tua mano e il tuo consiglio avevano prestabilito che avvenissero. 29 Ed ora, Signore, considera le loro minacce e concedi ai tuoi servi di annunziare la tua parola con ogni franchezza, 30 stendendo la tua mano per guarire e perché si compiano segni e prodigi nel nome del tuo santo Figlio Gesù”. 31 E, dopo che ebbero pregato, il luogo dove erano radunati tremò; e furono tutti ripieni di Spirito Santo, e annunziavano la parola di Dio con franchezza. 32 E il gran numero di coloro che avevano creduto era di un sol cuore e di una sola anima; nessuno diceva esser suo quello che aveva, ma tutte le cose erano in comune fra di loro.” (Atti 4:23-32 LND)
Quando Gerusalemme era assediata dall’Assiria, il re Ezechia pregò Dio. Notiamo come nella sua preghiera adorava Dio perché Egli è sovrano su tutto! Leggo 2Re 19:15-19

“15 Poi Ezechia pregò davanti all’Eterno, dicendo: “O Eterno, DIO d’Israele, che siedi sopra i cherubini, tu sei DIO, tu solo, di tutti i regni della terra. Tu hai fatto i cieli e la terra. 16 Porgi il tuo orecchio, o Eterno, e ascolta; apri i tuoi occhi, o Eterno, e guarda! Ascolta le parole di Sennacherib, che ha mandato quest’uomo per insultare il DIO vivente! 17 E’ vero, o Eterno, che i re di Assiria hanno devastato le nazioni e i loro paesi, 18 e hanno gettato nel fuoco i loro dèi, perché quelli non erano dèi, ma opera delle mani d’uomo, legno e pietra; per questo li hanno distrutti. 19 Ma ora, o Eterno, DIO nostro, salvaci, ti prego, dalle sue mani, affinché tutti i regni della terra sappiano che tu solo, o Eterno, sei DIO”.” (2Re 19:15-19 LND)
Ci sono tante altre preghiere così nella Bibbia.

Voglio incoraggiare ciascuno di voi a tenere ben presente nella propria mente la sovranità di Dio. Questo vi permetterà di avere pace in ogni situazione e vi spingerà ad adorare Dio per il Suo sovrano controllo.

La nostra eredità è sicura
Parlando a voi che avete ricevuto il perdono e la salvezza, prima di chiudere, voglio tornare al punto che siamo stati scelti in Cristo per un’eredità eterna, nella presenza di Dio. Questo vuol dire che la nostra eredità è sicura perché è fondata sulla sovrana scelta di Dio in Cristo Gesù.

Perciò, la nostra eredità è riservata a noi, come leggiamo in 1Pietro 1:3-5:

“3 Benedetto sia il Dio e Padre del Signor nostro Gesù Cristo, il quale nella sua grande misericordia ci ha rigenerati, a una viva speranza per mezzo della risurrezione di Gesù Cristo dai morti, 4 per un’eredità incorruttibile, incontaminata e immarcescibile, conservata nei cieli per voi 5 che dalla potenza di Dio mediante la fede siete custoditi, per la salvezza che sarà prontamente rivelata negli ultimi tempi.” (1Pietro 1:3-5 LND)
Avete capito? Se siamo in Cristo, salvati per il Suo sacrificio, in base all’elezione di Dio abbiamo riservata in cielo per noi un’eredità incorruttibile, incontaminata e immarcescibile! O che possiamo comprendere sempre di più questa incredibile verità. O che possiamo vivere con gli occhi protesi in avanti, aspettando la nostra eredità che consiste nello stare alla presenza di Dio.

Quindi non viviamo per le cose di questa vita che saranno perse per sempre. Non viviamo presi dai problemi che saranno dimenticati per tutta l’eternità. Viviamo per la gloria di Dio, trovando grande gioia nella nostra eredità in Cristo Gesù che è riservata per noi in cielo, nella presenza di Dio. Viviamo adorando il nostro Dio che è sovrano su tutto e che opera tutte le cose secondo il consiglio della Sua volontà.

E, prima di chiudere, una parola a ciascuno di voi che non avete ancora la salvezza in Gesù Cristo . Prego che capirete che non c’è nulla sulla terra paragonabile alla salvezza in Cristo Gesù. Non sprecate la vostra vita e la vostra eternità cercando la vera vita altrove. Riconoscete che siete peccatori e che l’unica salvezza è in Cristo Gesù. Ringraziate Dio che ha già operato per provvedere un Salvatore e per farvi capire il vostro bisogno di Lui. Ravvedetevi e credete in Gesù Cristo con tutto il vostro cuore. Allora anche voi potrete godere l’eredità eterna anziché il tormento eterno. Prego che ogni persona che mi ascolta cercherà Cristo con tutto il suo cuore!

Annunci