Salmi 84:11 Perché Dio, il SIGNORE, è sole e scudo; il SIGNORE concederà grazia e gloria. Egli non rifiuterà di far del bene a quelli che camminano rettamente.

E’ nella preghiera sacerdotale, dove GESU’ manifesta il Suo Amore per la Chiesa e quindi per

I veri credenti e ubbidienti alla Parola di Dio, chiedendo al Padre che si realizzasse una

Perfetta sintonia col Suo popolo, da Giov.17:21 “…che siano tutti uno; e come tu, o Padre, sei in me e io sono in te, anch’essi siano in noi: affinché il mondo creda che tu mi hai mandato. Io ho dato loro la gloria che tu hai data a me, affinché siano uno come noi siamo uno;”.

Esiste un processo di trasformazione nella vita del credente per il raggiungimento di questa unità col

Padre, col Figliolo attraverso lo Spirito Santo. Tante volte questa trasformazione neanche la riusciamo a credere sia avvenuta nella nostra vita, perché proprio l’opera e l’azione dello Spirito Santo, ci conducono passo passo ad una continua sottomissione alla volontà di Dio e quindi ad ubbidirgli, servendolo con tutto il cuore.

I credenti sanno che se la loro vita sta cambiando non hanno da gloriare se stessi, ma Colui il quale

Ha dato la sua vita per poter essere salvati e questi non è altro che il Signore Gesù Cristo Salvatore del mondo.

GESU’ lo dice chiaro “….Io ho dato loro la gloria che tu hai data a me, affinché siano uno come noi siamo uno;”, c’è tanta realtà spirituale nei veri credenti, in essi, è viva la manifestazione della Gloria di Dio, di certo consapevoli, ma come se non lo fossero, perché poi essi sanno che, più nullagli appartiene, tutta la loro vita, spirito, anima e corpo, lo hanno donato a Gesù perché lui a donato tutto

per loro, per la vera vita in questo mondo e salvezza nell’altro che è il REGNO DI DIO in Cristo Gesù Nostro Signore e Salvatore che è benedetto in eterno.-

Girolamo Puccio

Annunci